I migliori integratori da considerare per il supporto cardiaco

Le malattie cardiache sono la principale causa di morte a livello globale (1). Ecco perché è così importante sottolineare la necessità di un miglior supporto per la salute del cuore.

Quando si tratta di salute generale, ignorare la salute del tuo cuore sarebbe come dimenticare di mettere un motore nella tua auto. Questo perché il cuore pompa ossigeno ricco di sangue a tutte le parti del corpo (2).

Senza un cuore sano, il tuo corpo semplicemente non sosterrebbe la vita. Ecco perché prendersi cura del proprio cuore attraverso modi come la dieta e l'esercizio fisico è vitale per migliorare la qualità e la quantità della tua vita.

Quando si tratta di nutrizione, una dieta sana per il cuore piena di cibi integrali come frutta e verdura ricca di fibre e alimenti a basso contenuto di sodio è l'ideale (3).

È altrettanto importante rimanere attivi spesso per mantenere la forza muscolare del cuore e gestire il peso per ridurre il rischio di malattie cardiache. Inoltre, smettere di fumare o non iniziare così come gestire lo stress è necessario per ridurre il rischio di ipertensione che può portare a malattie cardiache e ictus.

Insieme a tali cambiamenti dello stile di vita, gli integratori possono essere essenziali per colmare le lacune del tuo stile di vita sano per aiutare a prevenire le malattie cardiache.

In effetti, la ricerca mostra che alcune carenze nutrizionali possono mettere a rischio la salute del cuore. Questo studio ha dimostrato che una persona su cinque con insufficienza cardiaca era carente di sostanze nutritive come vitamina A, calcio, magnesio, iodio e selenio nonché vitamina D (4).

Pertanto, oltre al comportamento di cuore stile di vita sano menzionato, l'aggiunta di un supplemento alla vostra routine quotidiana può essere utile.

Quindi, parliamo dei primi dieci integratori che possono aiutarti a sostenere al meglio la tua salute del cuore.

Supplementi chiave 10 per supporto cardiaco

Beta-carotene

Gli antiossidanti, per definizione, aiutano a combattere l'infiammazione ea sua volta lo stress ossidativo nel corpo che può portare a malattie croniche come le malattie cardiache (5).

Esempi di alcuni antiossidanti includono il beta-carotene e le vitamine C ed E.

Sebbene tu possa consumare queste vitamine attraverso frutta e verdura colorate, a volte potresti non consumare abbastanza di questi alimenti ogni giorno. Pertanto, l'assunzione di tali vitamine in forma di supplemento può aiutare a colmare le lacune nutrizionali nella vostra dieta e, a sua volta, migliorare la salute del cuore.

Il beta-carotene, in particolare, è un antiossidante che viene convertito nella forma di carotenoide di vitamina A nel corpo. Questa vitamina liposolubile è vitale per la vista, la salute immunitaria e la riproduzione nel corpo (6).

Quando si tratta di salute del cuore, gli studi dimostrano che il potente carotenoide licopene può migliorare notevolmente la salute del cuore.

La ricerca dimostra che riducendo l'infiammazione, il licopene aumenta la capacità del corpo di utilizzare l'ossido nitrico (7). Questo a sua volta ha dimostrato di migliorare la dilatazione dei vasi sanguigni in quelli con malattie cardiache. In questo modo, il licopene può aiutare a migliorare i risultati di salute del cuore e può anche aiutare a prevenire le malattie cardiache in individui sani.

CoQ10

Un altro antiossidante efficace nel migliorare la salute del cuore è il coenzima Q10, o CoQ10.

CoQ10 è prodotto dall'organismo in modo naturale, ma a volte una persona potrebbe non averne abbastanza di questo composto per sostenere una salute ottimale (8). Ad esempio, mentre le persone invecchiano, i livelli di CoQ10 nel corpo diminuiscono. Inoltre, quelli con malattie cardiache hanno dimostrato di avere livelli più bassi di CoQ10.

Pertanto, tali soggetti a rischio per bassi livelli del composto trarrebbero beneficio dall'integrazione della loro dieta con CoQ10.

In effetti, la ricerca dimostra che CoQ10 può essere protettivo contro le malattie cardiache negli anziani. Questo studio ha esaminato un gruppo di anziani sani che hanno ricevuto un supplemento giornaliero di CoQ10 e selenio per quattro anni (9).

I risultati dello studio mostrano che l'effetto protettivo di questo integratore non solo è durato per il periodo di studio di quattro anni, ma questo effetto si è esteso anche durante il periodo di follow-up di 12-year.

Inoltre, altre ricerche recenti mostrano che CoQ10 può aiutare a ridurre i livelli lipidici (10). Una meta-analisi di otto studi clinici, i risultati dello studio mostrano che l'integrazione con CoQ10 può essere efficace nell'abbassare il colesterolo totale.

Poiché i livelli elevati di colesterolo sono un importante fattore di rischio per la malattia coronarica, questi risultati mostrano che CoQ10 potrebbe aiutare a ridurre il rischio di una persona per i risultati di salute della malattia cardiaca.

Correlata: Top 10 CoQ10 Supplementi

Selenio

Il selenio, come detto prima, può svolgere un ruolo nel migliorare la salute del cuore. È un nutriente essenziale necessario nel corpo per il metabolismo degli ormoni tiroidei, la riproduzione e la protezione dal danno ossidativo (11).

La maggior parte degli adulti dovrebbe assumere 55 microgrammi di selenio ogni giorno per una salute ottimale. Puoi consumare il selenio attraverso il cibo, ma le ricche fonti alimentari di questo nutriente come noci del Brasile, tonno pinna gialla, sardine e gamberetti in scatola non sono cibi comuni nel frigorifero o nella dispensa. Pertanto, questo è il motivo per cui l'integrazione di selenio è probabilmente l'ideale per la maggior parte delle persone.

Quando si parla di salute del cuore, la ricerca mostra che l'integrazione con selenio è stata utile per migliorare sia la salute del cuore che la relativa salute metabolica.

Uno studio ha trovato che la supplementazione di selenio ha contribuito ad abbassare la proteina C-reattiva marcatore infiammatorio (12). Questo risultato suggerisce che il selenio può aiutare a ridurre l'infiammazione e lo stress ossidativo nel corpo in quelli con malattie cardiache.

Un altro studio ha esaminato l'effetto del consumo di selenio attraverso le noci del Brasile a livelli lipidici. Questo studio ha rilevato che una singola porzione di noci del Brasile può migliorare i profili lipidici delle persone sane (13).

Infine, uno studio di meta-analisi ha esaminato la supplementazione di selenio e il suo impatto sulla salute metabolica. I risultati dello studio mostrano che la supplementazione di selenio può ridurre i livelli di insulina e migliorare la sensibilità all'insulina (14). Questo è un bene per la salute del cuore poiché la sensibilità all'insulina è un fattore di rischio per le malattie cardiache e il diabete.

Correlata: Top 10 selenio integratori

Vitamine B

Le vitamine del gruppo B sono otto nutrienti idrosolubili che svolgono un ruolo vitale nella funzione cerebrale, nella produzione di energia e nella sintesi e riparazione del DNA, tra le altre cose (15). Per non parlare del fatto che vari studi hanno riscontrato che alcune vitamine del gruppo B svolgono un ruolo importante nelle questioni di salute del cuore.

Le vitamine del gruppo B possono essere trovate sia in fonti animali che vegetali, ma sono state trovate più bioattive nelle fonti di origine animale. Per questo motivo, coloro che non consumano quotidianamente abbastanza prodotti animali, come quelli che seguono diete per lo più vegetali come i vegetariani, possono mancare di vitamine del gruppo B. Pertanto, in tali casi sarebbe necessaria un'integrazione per garantire che questi individui possano beneficiare pienamente delle vitamine B.

Quando si parla di salute del cuore, la ricerca mostra che livelli più bassi di vitamine del gruppo B nella dieta e nel sangue sono stati collegati con lo stress ossidativo e alti livelli dell'amminoacido omocisteina nel sangue (16).

Questi due fattori a loro volta aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiache. Pertanto, si può suggerire che l'integrazione con vitamine del gruppo B potrebbe ridurre tali fattori di rischio.

In particolare, gli studi hanno esaminato gli effetti della supplementazione di niacina sugli esiti di salute del cuore.

Uno studio ha scoperto che la niacina a rilascio prolungato può aiutare a ridurre i livelli di colesterolo residuo e ad aumentare i "buoni" livelli di colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL) nei pazienti con malattia coronarica (17).

Questo è un risultato significativo poiché il colesterolo residuo è una combinazione delle lipoproteine ​​a densità molto bassa e a densità intermedia. Queste lipoproteine ​​promuovono un alto rischio di placche nelle arterie che a loro volta aumentano il rischio di malattie cardiache e problemi di salute correlati. Tuttavia, non ci sono studi per confermare che l'assunzione di niacina insieme alla terapia con statine aggiunge benefici (19).

Pertanto, assicurati di parlare con il tuo medico prima di aggiungere nuovi supplementi al tuo attuale regime terapeutico.

Correlata: Supplementi Top 10 vitamina del complesso B

Vitamina D

Sebbene la vitamina D sia ben nota per i suoi benefici per la salute delle ossa, i suoi benefici per la salute del cuore stanno appena iniziando a rivelarsi.

La vitamina D è una vitamina liposolubile che si trova in pochissimi alimenti come salmone, pesce spada, tonno, olio di fegato di merluzzo e latte fortificato o succo d'arancia, per citarne alcuni (20). Pertanto, la maggior parte delle persone si affida all'esposizione solare per assorbire la loro dose giornaliera di vitamina D.

Tuttavia, per coloro che vivono in determinati climi o non escono spesso, può verificarsi una carenza di vitamina D. In questi casi, le persone possono aver bisogno di un supplemento per soddisfare il loro fabbisogno giornaliero minimo di 600 UI di vitamina D al giorno.

Per scoprire se hai poca vitamina D, dovrai chiedere al tuo medico un esame del sangue poiché solitamente non è incluso nel controllo annuale medio del laboratorio.

Quando si tratta di salute del cuore, la ricerca sulla vitamina D è ancora nelle sue fasi iniziali. Tuttavia, finora la ricerca sta trovando un collegamento tra un più alto rischio di fattori di rischio di malattie cardiache e bassi livelli di vitamina D (21).

Inoltre, questi studi osservazionali dovranno essere seguiti da studi clinici più ampi prima che tale relazione causale possa essere confermata (21,22,23).

Nel frattempo, se sei carente di vitamina D, potrebbe essere utile integrare la vitamina D come raccomandato dal tuo medico (23).

Correlata: Top 10 vitamina D Supplementi

L-Carnitina

La carnitina, un amminoacido presente in tutte le cellule del corpo, è vitale per la produzione di energia (24). La maggior parte delle persone produce naturalmente abbastanza carnitina nel corpo per soddisfare i loro bisogni quotidiani. Tuttavia, alcune persone assumono carnitina, nota anche come L-carnitina, per migliorare le prestazioni o per riempire i negozi di carnitina con l'età.

In effetti, alcune ricerche mostrano che la L-carnitina può migliorare la funzione cognitiva negli anziani (25,26).

Altri benefici promettenti della L-carnitina sono però legati alla salute del cuore.

La ricerca mostra che la L-carnitina può ridurre il rischio di diversi fattori di salute del cuore come ipertensione, iperlipidemia e obesità (27). Inoltre, in quelli con muscolo cardiaco malato, i livelli di L-carnitina possono essere bassi, quindi l'integrazione può aiutare a migliorare i risultati di salute del cuore.

Gli studi dimostrano che l'integrazione con L-carnitina ha dimostrato di aumentare significativamente il "buono" colesterolo lipoproteico ad alta densità e i livelli di trigliceridi leggermente inferiori nei pazienti con malattia coronarica (CAD) (CAD) (28).

Per non parlare del fatto che la L-carnitina può aiutare a migliorare i sintomi clinici in quelli con insufficienza cardiaca congestizia (29). Pertanto, se sei a rischio di malattie cardiache, può valere la pena chiedere al tuo medico se la L-carnitina può essere utile per te.

Correlata: Top 10 L-carnitina integratori

Magnesio

Il magnesio è un minerale presente nel corpo delle cellule e delle ossa che è importante per produrre energia nel corpo così come per condurre i nervi, contrarre i muscoli e controllare il normale ritmo cardiaco (30). Pertanto, non sorprende che il magnesio sia un fattore importante per la salute del cuore.

La maggior parte degli adulti dovrebbe consumare circa 310-420 milligrammi al giorno di magnesio attraverso alimenti come mandorle, arachidi, anacardi e legumi come soia e fagioli neri. Tuttavia, se qualcuno non mangia abbastanza di questi tipi di alimenti, potrebbe essere soggetto a problemi di salute legati all'assunzione di basso contenuto di magnesio, come un aumento del rischio di salute delle ossa e problemi di salute del cuore.

Infatti, la ricerca mostra che coloro che hanno livelli circolanti di magnesio hanno un rischio inferiore di malattie cardiovascolari (31). Inoltre, i più alti livelli di assunzione di magnesio sono stati collegati a un minor rischio di fattori di rischio di malattie cardiache come la sindrome metabolica, il diabete e l'iperlipidemia (31,32,33).

Tenendo conto di ciò, può essere utile iniziare a prendere un integratore di magnesio se si è attualmente a rischio di malattie cardiache.

Correlata: Top 10 magnesio integratori

Curcuma

La curcuma speziata dorata, comunemente usata nella cucina indiana, contiene potenti benefici per la salute del cuore.

Questi benefici derivano dall'attività composta di curcumina, che costituisce circa 2-3-percento del peso totale della curcuma (34,35). La curcumina è ben nota per le sue proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti (34).

Il pepe nero, o piperina, viene spesso consumato con la curcumina per aiutare a migliorare la biodisponibilità o la capacità del corpo di utilizzare il composto.

La ricerca mostra che la curcumina può aiutare a gestire le condizioni infiammatorie come l'artrite, l'ansia, l'iperlipidemia e la sindrome metabolica, nonché l'infiammazione indotta dall'esercizio fisico (34,36).

Abbassando i livelli lipidici nel corpo, la curcumina può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache in quelli con fattori di rischio cardiovascolare (36). La ricerca mostra anche che i composti di curcumina possono anche promuovere una sana circolazione del sangue, che a sua volta potrebbe aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache (37).

Le proprietà cardioprotettive della sola curcumina sono una ragione sufficiente per aggiungere questo integratore alla routine sana del cuore (38).

Correlata: Top 10 curcuma integratori

aglio

L'aglio non solo fornisce un sapore potente al momento del pasto, ma è anche un potente integratore per la salute del cuore.

Aglio, o Allium sativum L., contiene composti di organosulfur che mostrano proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e cardioprotettive (39). La ricerca dimostra che l'integrazione con l'aglio può aiutare a migliorare i profili lipidici del sangue in quelli con colesterolo alto e può anche migliorare i livelli di pressione sanguigna in quelli con ipertensione (39,40).

Il principale componente attivo dell'aglio, il diallil trisolfuro, può essere responsabile di tali effetti cardioprotettivi (41).

La ricerca attuale rivela che l'effetto cardioprotettivo di Allium sativum può derivare dalla sua capacità di ridurre lo stress ossidativo nel corpo (42). Inoltre, un certo tipo di aglio, noto come aglio nero, ha proprietà antiossidanti particolarmente potenti.

Questo tipo di aglio, ottenuto da aglio fresco lavorato ad alte temperature e umidità, ha dimostrato di migliorare la qualità della vita e la frazione di eiezione ventricolare sinistra in quelli con insufficienza cardiaca congestizia (43).

Inoltre, il supplemento di estratto di aglio invecchiato è stato trovato per ridurre il rischio di malattie cardiache, riducendo l'accumulo di alcuni tipi di placca nelle arterie (40).

Correlata: Top 10 aglio integratori

Gli acidi grassi Omega-3

Una dieta sana per il cuore è conosciuta per la sua attenzione ai grassi sani come gli acidi grassi omega-3 di noci, semi, avocado e pesce grasso come il salmone (44).

L'integrazione di questo acido grasso mostra anche benefici significativi per la salute del cuore. La ricerca mostra che gli acidi grassi omega-3 possono aiutare a migliorare la funzione endoteliale promuovendo il rilascio di ossido nitrico, che a sua volta aiuta con una sana dilatazione dei vasi sanguigni e riduce l'infiammazione nei vasi (45).

La più forte evidenza di integrazione di acido grasso omega-3 e salute del cuore è correlata alla ricerca che collega l'integratore alla prevenzione della morte cardiaca (46).

E mentre altri studi devono essere fatti per confermare altri benefici per la salute del cuore di tali supplementi, non sarebbe male aggiungere un tale supplemento alla vostra dieta per migliorare i risultati di salute del cuore. Senza contare che gli studi dimostrano che gli acidi grassi polinsaturi come gli acidi grassi omega-3 possono ridurre il rischio di diabete, di cui la malattia cardiaca è una complicazione (47).

Si raccomanda che l'integratore di acidi grassi omega-3 contenga una buona fonte di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA), che sono due tipi di acidi grassi omega-3 a catena lunga (44).

Correlata: Top 10 di pesce supplementi di olio

Correlata: Top 10 Krill supplementi di olio

sommario

La salute del cuore è vitale per la salute generale. Pertanto, è importante assicurarsi che i vostri bisogni nutritivi per la salute del cuore siano soddisfatti attraverso la vostra dieta.

Se manchi di tali sostanze nutritive, potrebbe essere necessario un supplemento come quelli sopra elencati per colmare le lacune. Alcune di queste vitamine possono essere soddisfatte con un'opzione multivitaminica. Tuttavia, è importante leggere l'etichetta per assicurarsi che il multivitaminico stia fornendo abbastanza nutrienti importanti per la salute del cuore per fare la differenza nella tua salute.

Potrebbe essere utile parlare con un operatore sanitario qualificato per aiutarvi a fare la scelta migliore quando si tratta di integratori per aiutare a sostenere la salute del cuore.

Inoltre, incontrare un dietologo o un esperto di esercizio può aiutarti a creare una dieta e una routine di esercizio che offra il massimo beneficio per la tua salute cardiaca.

Nel frattempo, fai controllare i tuoi laboratori di sostanze nutritive e prova un integratore o due di salute del cuore, a seconda delle tue esigenze nutrizionali, così puoi fare i primi passi per migliorare la tua salute cardiaca oggi.

Eventuali integratori specifici e marchi presenti in questo sito Web non sono necessariamente approvati da Staci.

Referenze
  1. American Heart Association (gennaio 31, 2018) "Heart Disease and Stroke Statistics 2018 a colpo d'occhio." https://www.heart.org/-/media/data-import/downloadables/heart-disease-and-stroke-statistics-2018—at-a-glance-ucm_498848.pdf
  2. National Institute on Aging (l'ultima recensione di giugno 1, 2018) "Heart Health and Aging." https://www.nia.nih.gov/health/heart-health-and-aging
  3. "Heart Heart, Healthy and Blood Institute" (accesso a dicembre 5, 2018) "Heart-Healthy Lifestyle Changes". https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/heart-healthy-lifestyle-changes
  4. Cascino, TM, & Hummel, SL (2018). "Carenze nutrizionali nell'insufficienza cardiaca: un micro problema con effetti macro?" Journal of the American Heart Association, 7(17), e010447.
  5. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (novembre 2013) "Antiossidanti: in profondità". https://nccih.nih.gov/health/antioxidants/introduction.htm
  6. Ufficio nazionale della salute Ufficio degli integratori alimentari (ottobre 5, 2018) "Vitamina A." https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminA-HealthProfessional/
  7. Mozos, I., Stoian, D., Caraba, A., Malainer, C., Horbańczuk, JO, e Atanasov, AG (2018). "Licopene e salute vascolare". Frontiere in farmacologia, 9, 521. doi: 10.3389 / fphar.2018.00521
  8. Mayo Clinic (October 13, 2017) "Coenzima Q10." https://www.mayoclinic.org/drugs-supplements-coenzyme-q10/art-20362602
  9. Alehagen, U., Aaseth, J., Alexander, J., & Johansson, P. (2018). "Ancora ridotta mortalità cardiovascolare 12 anni dopo l'integrazione con selenio e coenzima Q10 per quattro anni: una validazione dei precedenti risultati di follow-up di 10 anno di uno studio prospettico randomizzato in doppio cieco controllato con placebo negli anziani." PLoS ONE, 13(4), e0193120. doi: 10.1371 / journal.pone.0193120
  10. Jorat, MV, et al. (2018). "Gli effetti del coenzima Q10 supplementazione sui profili lipidici tra i pazienti con malattia coronarica: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati e controllati". Lipidi in salute e malattia, 17(1), 230. doi:10.1186/s12944-018-0876-4
  11. Istituto nazionale della salute Ufficio dei supplementi dietetici (settembre 26, 2018) "Selenio". https://ods.od.nih.gov/factsheets/Selenium-HealthProfessional/
  12. Schomburg L. (2016). "Selenio dietetico e salute umana." Nutrienti, 9(1), 22. doi: 10.3390 / nu9010022
  13. Ju, W., et al. (Dicembre 2017) "L'effetto della supplementazione di selenio sulla cardiopatia coronarica: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati e controllati". Journal of Trace Elements in Medicine and Biology, Volume 44, 8-16.
  14. Colpo, E., et al. (2013). "Un singolo consumo di grandi quantità di noci del Brasile migliora il profilo lipidico di volontari sani". Journal of nutrition and metabolism, 2013, 653185.
  15. Tabrizi, R., et al. (2017) "Gli effetti della supplementazione di selenio sul metabolismo del glucosio e profili lipidici tra i pazienti con malattie metaboliche: una revisione sistematica e meta-analisi di studi controllati randomizzati". Horm Metab Res, 49 (11) 826-830.
  16. Kennedy DO (2016). "Vitamine e cervello B: meccanismi, dose ed efficacia: una recensione". Nutrienti, 8(2), 68. doi: 10.3390 / nu8020068
  17. Waly, MI, Ali, A., Al-Nassri, A., Al-Mukhaini, M., Valliatte, J., e Al-Farsi, Y. (2015). "Il basso apporto di vitamine del gruppo B è associato a iperomocisteinemia e stress ossidativo nei pazienti cardiopatici di nuova diagnosi." Biologia sperimentale e medicina (Maywood, NJ), 241(1), 46-51.
  18. Toth, MD, PhD, PP, et al. (Maggio-giugno 2018) "Relazione tra colesterolo da sottoprelaina lipoproteica e rischio residuo per esiti cardiovascolari: A post hoc analisi del trial AIM-ALTA. " Journal of Clinical Lipidology, 12 (3) 741-747.
  19. National Institutes of Health Office of Dietary Supplements (novembre 28, 2018) "Niacina". https://ods.od.nih.gov/factsheets/Niacin-HealthProfessional/
  20. Istituto nazionale della salute Ufficio degli integratori alimentari (novembre 9, 2018) "Vitamina D." https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional/
  21. Kheiri, B., Abdalla, A., Osman, M., Ahmed, S., Hassan, M., & Bachuwa, G. (2018). Carenza di vitamina D e rischio di malattie cardiovascolari: una revisione narrativa. Ipertensione clinica, 24, 9. doi:10.1186/s40885-018-0094-4
  22. Skaaby T., Thuesen BH, Linneberg A. (2017) "Vitamina D, malattie cardiovascolari e fattori di rischio. In: Ahmad S. (eds) Luce ultravioletta nella salute umana, malattie e ambiente. " Avanzamenti in medicina sperimentale e biologia, vol 996. Springer, Cham; https://doi.org/10.1007/978-3-319-56017-5_18
  23. Pfotenhauer, DO, KM e Shubrook, DO, JH (maggio 2017) "Carenza di vitamina D, il suo ruolo nella salute e nella malattia e le attuali raccomandazioni di integrazione". Il Journal of American Osteopathic Association, Volume 117, 301-305.
  24. National Institutes of Health Office of Dietary Supplements (ottobre 10, 2017) "Carnitina". https://ods.od.nih.gov/factsheets/Carnitine-HealthProfessional/
  25. Chan, YL, Saad, S., Al-Odat, I., Oliver, BG, Pollock, C., Jones, NM, e Chen, H. (2017). "La supplementazione materna di L-Carnitina migliora la salute del cervello nella prole delle madri esposte al fumo di sigaretta". Frontiere nelle neuroscienze molecolari, 10, 33. doi: 10.3389 / fnmol.2017.00033
  26. Oregon State University - Linus Pauling Institute (ultima recensione in aprile 2012) "L-Carnitine". https://lpi.oregonstate.edu/mic/dietary-factors/L-carnitine
  27. Wang, ZY, Liu, YY, Liu, GH, Lu, HB e Mao, CY (febbraio 2018) "L-Carnitina e cardiopatia". Scienze di vita, Volume 194: 88-97.
  28. Lee, BJ, Lin, JS, Lin, YC e Lin, PT (2016). "Effetti della supplementazione di L-carnitina sui profili lipidici in pazienti con malattia coronarica". Lipidi in salute e malattia, 15, 107. doi:10.1186/s12944-016-0277-5
  29. Canzone, X., Qu, H., Yang, Z., Rong, J., Cai, W., & Zhou, H. (2017). "Efficacia e sicurezza del trattamento con L-carnitina per insufficienza cardiaca cronica: una meta-analisi di prove controllate randomizzate". Ricerca BioMed internazionale, 2017, 6274854.
  30. National Institutes of Health Office of Dietary Supplements (settembre 26, 2018) "Magnesio". https://ods.od.nih.gov/factsheets/Magnesium-HealthProfessional/
  31. Rosique-Esteban, N., Guasch-Ferré, M., Hernández-Alonso, P., e Salas-Salvadó, J. (2018). "Magnesio dietetico e malattie cardiovascolari: una revisione con enfasi negli studi epidemiologici". Nutrienti, 10(2), 168. doi: 10.3390 / nu10020168
  32. Schwalfenberg, GK e Genuis, SJ (2017). "L'importanza del magnesio nella sanità clinica". scientifica, 2017, 4179326.
  33. Fang, X., et al. (2016). "L'assunzione di magnesio nella dieta e il rischio di malattie cardiovascolari, il tipo di diabete 2 e la mortalità per tutte le cause: una meta-analisi dose-risposta di studi prospettici di coorte". Medicina BMC, 14(1), 210. doi:10.1186/s12916-016-0742-z
  34. Hewlings, SJ e Kalman, DS (2017). "Curcumina: una revisione dei suoi" effetti sulla salute umana ". Alimenti (Basilea, Svizzera), 6(10), 92. doi: 10.3390 / foods6100092
  35. Tayyem, RF, Heath, DD, Al-Delaimy, WK e Rock, CL (2006) "Contenuto di curcumina di polvere di curcuma e curry". Nutrizione e Cancro, 55 (2) 126-131.
  36. Qin, S., Huang, L., Gong, J., Shen, S., Huang, J., Ren, H., e Hu, H. (2017). Efficacia e sicurezza della curcumina e della curcumina nell'abbassare i livelli lipidici nel sangue in pazienti con fattori di rischio cardiovascolare: una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Giornale di nutrizione, 16(1), 68. doi:10.1186/s12937-017-0293-y
  37. Chen, Z., et al. (2018) "Screening delle frazioni attive da Curcuma longa Radice isolata da HPLC e GC-MS per la promozione della circolazione sanguigna e sollievo dal dolore. " Journal of Ethnopharmacology, https://doi.org/10.1016/j.jep.2018.09.035
  38. Mokhtari-Zaer, A., Marefati, N., Atkin, SL, Butler, AE e Sahebkar, A. (Gennaio 2019) "Il ruolo protettivo della curcumina nel danno miocardico da ischemia-riperfusione." Journal of Cellular Physiology, 234 (1) 214-222.
  39. Università statale dell'Oregon - Linus Pauling Institute (ultimo 2016 di dicembre): "Composti di aglio e organosulfur". https://lpi.oregonstate.edu/mic/food-beverages/garlic
  40. Varshney, R. e Budoff, MJ (febbraio 2016) "Aglio e cardiopatia". Il giornale della nutrizione, Volume 146, Numero 2, pp. 416S-421S, https://doi.org/10.3945/jn.114.202333
  41. Yu, L., et al. (2017). "Il trisolfuro di dialulo esercita cardioprotezione contro il danno miocardico da ischemia-riperfusione nello stato diabetico, ruolo dell'attivazione AKT / GSK-3β / HIF-1α mediata da AMPK". Oncotarget, 8(43), 74791-74805. doi:10.18632/oncotarget.20422
  42. Gomaa, AMS, Abdelhafez, AT e Aamer, HA (settembre 2018) "Aglio (Allium sativum) mostra un effetto cardioprotettivo nel modello sperimentale di ratto renale cronico riducendo lo stress ossidativo e controllando l'attività cardiaca di Na + / K + -ATPasi e i livelli di Ca2 +. " Stress e chaperon cellulari, 23 (5) 913-920.
  43. Liu, J., Zhang, G., Cong, X., & Wen, C. (2018). "L'aglio nero migliora la funzione cardiaca nei pazienti con malattia coronarica migliorando i livelli circolanti di antiossidanti". Frontiere in fisiologia, 9, 1435. doi: 10.3389 / fphys.2018.01435
  44. National Institutes of Health Office of Dietary Supplements (novembre 21, 2018) "Omega-3 acidi grassi". https://ods.od.nih.gov/factsheets/Omega3FattyAcids-HealthProfessional/
  45. Mohebi-Nejad, A., & Bikdeli, B. (2014). "Integratori di Omega-3 e malattie cardiovascolari". Tanaffos, 13(1), 6-14.
  46. Maki, KC e Dicklin, MR (2018). "Integratore di acidi grassi Omega-3 e rischio di malattie cardiovascolari: bicchiere mezzo pieno o tempo per inchiodare la bara?" Nutrienti, 10(7), 864. doi: 10.3390 / nu10070864
  47. Yanai, H., et al. (2018). "Un miglioramento dei fattori di rischio cardiovascolare da acidi grassi polinsaturi Omega-3." Journal of clinical medicine research, 10(4), 281-289.
Hai già votato per questo post.

Ultimo aggiornamento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Staci Gulbin, MS, MEd, RD.

Scritto da Staci Gulbin, MS, MEd, RD.

Staci Gulbin, MS, MEd, RD è un dietista registrato, scrittore freelance, redattore sanitario e fondatore di LighttrackNutrition.com. Attraverso la sua scrittura, spera di fornire agli altri una visione imparziale e basata sull'evidenza di argomenti di salute e benessere in modo che possano prendere decisioni istruite quando costruiscono il loro stile di vita sano.